Bava di lumaca: perchè?

Le proprietà della secrezione di lumaca sono state scoperte per caso: negli anni ’80 in Cile la famiglia Bascunan allevava lumache, della specie Helix Aspersa Muller, destinate al mercato gastronomico francese. Gli operatori di questi allevamenti notarono che le loro mani erano lisce e sorprendentemente morbide, non mostravano mai segni di secchezza o invecchiamento, e le piccole ferite eventualmente presenti guarivano in tempi brevi, senza essere soggette a infezioni o cicatrici. Si decise così di approfondire l’argomento, cercando di comprendere le ragioni di questo interessante fenomeno e studiando il metabolismo delle chioccioline.

La mole di lavori scientifici pubblicati sulla lumaca domestica sorprende oggi per quantità e complessità, e permette di identificare le ragioni dell’efficacia dermocosmetica di questo piccolo “miracolo” della natura. La lumaca per muoversi alla ricerca di cibo deve scorrere su superfici di ogni genere, per lo più ruvide e, al fine di facilitare il suo scorrimento, produce la bava, un gel di mucopolisaccaridi. Questo, oltre ad avere una
funzione lubrificante che agevola la locomozione, serve anche a garantire l’adesione dell’animaletto a superfici verticali grazie alla sua caratteristica viscosità.

Ma l’importanza della bava, per le lumache, risiede soprattutto in altre sostanze contenute naturalmente nel gel da esse prodotto: allantoina, acido glicolico, collagene, elastina, proteine, vitamine, peptidi. Un vero concentrato di principi attivi che rigenerano e riparano i loro stessi tessuti durante lo scorrimento e le proteggono da microrganismi inquinanti e persino dal congelamento durante la stagione invernale.

La correlazione tra l’effetto della bava sulla lumaca e l’effetto della stessa sulla pelle degli operai fu quindi immediata, e confermata, in seguito, da numerosi studi dermatologici.

Durante tutte le fasi di produzione, e in particolare nelle delicate procedure di raccolta della bava, le lumache non subiscono alcun danno: il fluido, naturalmente prodotto dal semplice scorrimento dell’animaletto, viene raccolto in modo passivo e senza alcun disturbo per le chiocciole, e successivamente purificato per l’uso cosmetico.
Viene così rispettata l’integrità e la vita della lumaca

Ecco la composizione dell’ Helix Aspersa Muller :

MUCOPOLISACCARIDI: a contatto con l’acqua queste sostanze si rigonfiano, formando un gel naturale che svolge un’intensa e prolungata azione idratante, veicola in profondità tutti gli altri preziosi componenti e protegge dagli agenti esterni (freddo, inquinamento, aria secca, microorganismi).

ALLANTOINA:  conosciuta da tempo per le sue proprietà cicatrizzanti, contribuisce a contrastare i radicali liberi, sollecita la proliferazione cellulare e incrementa la velocità di guarigione delle piccole lesioni della pelle.

ACIDO GLICOLICO: la sua azione esfoliante consente la rimozione delle cellule morte e la penetrazione negli strati più profondi dell’epidermide delle sostanze contenute nella bava; stimola la produzione di collagene endogeno ed elastina da parte dei fibroblasti e contrasta macchie, rughe, acne, cicatrici.

COLLAGENE: principale proteina del derma, ha la funzione di sostegno, mantenimento dell’idratazione e del benessere fisiologico della cute.

ELASTINA: altra importantissima proteina del derma, ripristina l’equilibrio fisiologico della pelle .

PEPTIDI AD AZIONE PURIFICANTE: svolgono azioni di rinnovamento cellulare e di prevenzione della diffusione di microrganismi esterni che possono alterare l’equilibrio della pelle..

VITAMINE A-C-E:  la vit. A ha una spiccata attività antiossidante insieme alla vit. C che, a sua volta, stimola la produzione del collagene e ne ostacola la distruzione. La vit. E è particolarmente importante nel ritardare il processo di senescenza delle cellule e mantiene la pelle giovane e morbida nel tempo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>